Regione Piemonte

Assegnazione alloggio di Edilizia Sociale in caso di emergenza abitativa

Ultima modifica 18 gennaio 2018

Settore Servizi alla persona - Ufficio Casa

Responsabile del procedimento, recapito telefonico e indirizzo di posta elettronica istituzionale

Eugenio Monticone - tel. 0118228024 - affari.sociali@comune.sanmaurotorinese.to.it

Dirigente responsabile

Dott.ssa Silvia Cardarelli

Descrizione del procedimento e riferimenti normativi

Il Cittadino che si trova in una situazione di emergenza abitativa, ricompresa tra quelle tassativamente previste dalla legge, può comunicare la propria condizione e richiedere l’assegnazione in locazione per sé e per il proprio nucleo familiare di una unità abitativa di Edilizia sociale.
Le situazioni di emergenza abitativa previste dalla legge sono le seguenti:

  • essere assoggettato a procedura esecutiva di sfratto o a decreto di trasferimento conseguente a procedura esecutiva immobiliare o al rilascio dell’abitazione coniugale a seguito di assegnazione all’altro coniuge
  • dovere rilasciare l’alloggio di abitazione a seguito di ordinanza di sgombero o in conseguenza di eventi calamitosi che lo rendono inutilizzabile
  • abitare in un alloggio dichiarato, dalla ASL, non idoneo all’abitazione, in relazione alle condizioni di salute di uno o più degli occupanti
  • essere nella condizione di profugo o rifugiato
  • essere ospite, da almeno tre mesi, di dormitori pubblici o di altra struttura procurata a titolo temporaneo dagli organi preposti alla assistenza

I requisiti di accesso al servizio sono comuni a quelli previsti in via generale per l’ammissione alla graduatoria da Bando di concorso generale per l’assegnazione in locazione di alloggi di Edilizia sociale, mentre la specificità consiste in questo:

  • trovarsi il richiedente in una delle condizioni di emergenza abitativa di cui sopra, nonché
  • rilevanza della sola residenza nel Comune di San Mauro T.se da almeno TRE anni (non rileva invece lo svolgimento dell'attività lavorativa nel territorio).

Normativa di riferimento:

Termine per l'adozione del provvedimento finale

Le comunicazioni di emergenza vengono istruite e conservate dall’Ufficio. Nel momento in cui il Comune riceve la disponibilità di un alloggio di Edilizia Sociale, assegnabile fuori graduatoria (e cioè per le situazioni di emergenza in parola), la Giunta comunale, valutata la gravità di tutte le situazioni di emergenza comunicate, procede all’assegnazione dell’unità abitativa al nucleo familiare nella situazione di emergenza giudicata prioritaria.

Soggetto cui è attribuito, in caso di inerzia del dirigente responsabile, il potere sostitutivo di adozione del provvedimento finale, modalità per attivare tale potere

Segretario Generale Dott. Gerardo Birolo - Telefono 0118228019 - mail: gerardo.birolo@comune.sanmaurotorinese.to.it
Il potere di intervento sostitutivo viene attivato rivolgendo richiesta scritta da inoltrarsi all’indirizzo di posta elettronica sopra riportato.

Atti e documenti da allegare all'istanza, modulistica e fac simile di autocertificazione

  • copia della carta d'Identità del dichiarante
  • dichiarazione ISEE in cosro di validità
  • ogni altro documento che il cittadino reputi utile per la migliore valutazione della gravità della situazione abitativa.

Ufficio Competente

La comunicazione, compilata sul l'apposito Modulo in carta libera, va consegnata all’Ufficio Casa di S. Mauro T.se - Via Martiri della Libertà 150 - telefono 011/8228025 - e-mail: ufficio.casa@comune.sanmaurotorinese.to.it - nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 09.00 alle ore 12.30, il lunedì anche dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

Costi e modalità per effettuare i pagamenti

All’istanza di assegnazione deve essere allegata marca da bollo dell’importo di 16,00 euro

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale riconosciuti dalla legge a favore dell'interessato

Avverso la deliberazione della Giunta Comunale di assegnazione di un alloggio di edilizia sociale in via di riserva è ammesso ricorso giurisdizionale, con l’obbligatoria assistenza di un legale, al Tri-bunale Amministrativo Regionale per il Piemonte, Corso Stati Uniti, 45, Torino entro 60 giorni de-correnti dalla pubblicazione dell’atto oppure, in alternativa, Ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni decorrenti dalla pubblicazione dell’atto.